Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Musei

Casanova oscuro a Palazzo Zaguri

Uno dei pezzi in mostra: una gogna del XVIII secolo

Venezia. Un palazzo gotico, di cui si hanno notizie fin dal 1353, restaurato e restituito alla città come sede espositiva nel centralissimo campo San Maurizio. Un evento, in questi tempi caratterizzati perlopiù da speculazioni. Il palazzo prende il nome dagli ultimi proprietari privati, i Zaguri, in particolare Pietro e Antonio, che ne fecero la loro residenza nel XVIII secolo, aprendolo a ospiti illustri, in primis Giacomo Casanova. Estintasi questa famiglia nel ’900, divenne prima sede di una scuola e poi di uffici comunali, con le conseguenti distorsioni dovute alle diverse destinazioni d’uso. Il Comune lo mise in vendita nel 2013 per 10,6 milioni di euro e infine, dopo alcuni passaggi, fu acquistato per 15 milioni dalla Sgr Serenissima, che, a sua volta, l’ha concesso in gestione a Venice Exhibition, la società di Mauro Rigoni ben nota per mostre blockbuster per folle di visitatori, come quella di Jesolo con i suoi cadaveri imbalsamati.

E un cadavere imbalsamato si trova anche nella mostra d’esordio a Palazzo Zaguri, «Venice Secrets: Crime & Justice» (fino al 1° maggio), vale a dire il lato oscuro di Casanova che ne è il protagonista. Grande uso di effetti multimediali, ma anche documenti dall’Archivio di Stato. Quanto al restauro, che ha reso fruibili i cinque piani e le 36 sale di cui una destinata a libreria, è costato 5 milioni di euro, a conclusione di due anni di lavori. A firmarlo è Alberto Torsello, lo stesso che ha diretto gli interventi dell’Abbazia della Misericordia. E che, anche in questo caso, non rinuncia a inserire una scala in acciaio grezzo, materiale da lui preferito.

Lidia Panzeri, da Il Giornale dell'Arte numero 385, aprile 2018


Ricerca


GDA novembre 2018

Vernissage novembre 2018

Focus on De Chirico 2018

Vedere a ...
Vedere in Canton Ticino 2018

Vedere in Sardegna 2018

Vedere a Torino 2018

Vedere in Emilia Romagna 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012