Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Torino

Rose siriane, spine curde

Fatma Bucak alla Fondazione Merz

Fat Bucak, «Omne vivum ex ovo – Nomologically possible anyhow», 2013. Still images 13 HD digital videos, colour, sound, 4 minutes 5 seconds

Torino. Fatma Bucak è di origine curda e la sua arte è politicamente impegnata, mescola poesia e denuncia per affrontare questioni che sono sì universali, ma anche di cocente attualità. È nata nel 1982 a Iskenderun (sul confine tra Siria e Turchia), ha studiato filosofia all’Università di Istanbul, grafica d’arte all’Accademia Albertina di Torino e fotografia al Royal College di Londra.

La sua prima personale in un museo italiano (il suo gallerista di riferimento nel nostro Paese è Alberto Peola di Torino) si svolge dal 7 marzo al 20 maggio alla Fondazione Merz e s’intitola «So as to find the strength to see», che significa: «Per trovare la forza di vedere». Dove? Dove gli altri non guardano. Video, fotografie, installazioni sonore, performance e sculture, selezionate dalle curatrici Lisa Parola e Maria Centonze, danno voce a cronache dimenticate, pensieri taciuti, punti di vista di minoranze etniche e politiche, come quella dei curdi barbaramente repressa dai militari turchi.

Vicende su cui riflettono opere come «Black Ink», realizzata con l’inchiostro ricavato dalle ceneri di un libro bruciato insieme al magazzino di una casa editrice indipendente curda, o «342 Names», ricavata da una pietra litografica in cui l’artista ha inciso ripetutamente i nomi di 342 vittime di sparizioni forzate verificatesi in Turchia dopo il colpo di Stato del 1980: l’illeggibilità dei nomi suggerisce l’impossibilità per queste storie di essere raccontate.

Tra i lavori in mostra anche «Damascus Rose», 40 rose trasportate dalla Siria per essere reimpiantate a Torino, efficace simbolo dei rifugiati di guerra, ed «Enduring nature of thoughts», opera composta da dieci catini alimentati dal rumore di uno stillicidio, una messa in scena che crea l’illusione di percepire una perdita, di osservare qualcosa che non è reale, come a metterci in guardia dalle manipolazioni e omissioni. 


Jenny Dogliani, da Il Giornale dell'Arte numero 384, marzo 2018


Ricerca


GDA novembre 2018

Vernissage novembre 2018

Focus on De Chirico 2018

Vedere a ...
Vedere in Canton Ticino 2018

Vedere in Sardegna 2018

Vedere a Torino 2018

Vedere in Emilia Romagna 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012