Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Gallerie

Bologna

SetUp sempre più up

Alla fiera satellite giova la nuova sede

Martina Esposito con «Danae» presentata dallo spazio espositivo #Project18 si è aggiudicata il Premio Tiziano Campolmi assegnato a un'opera fotografica nel corso della VI edizione di SetUp Fair

Bologna. Con l’edizione numero sei SetUp Contemporary Art Fair, tenutasi dall'1 al 4 febbraio, raggiunge la maturità o, se non altro, effettua un cambiamento radicale grazie al cambio di sede con passaggio tra l’Autostazione e lo storico Palazzo Pallavicini. Ciò ha permesso maggiore razionalità nell’allestimento dei 39 stand che avevano un prezzo di 990 euro per 4,5 metri quadrati fino a 3.600 euro per 18 metri. In totale si sono effettuate vendite per poco meno di 300mila euro e gli artisti più venduti sono stati Guim Tio, Pierpaolo Miccolis, Cristina Almodóvar, Renzo Nucara, Carla Volpati, Simone Lingua, Laurina Paperina, Mariana Alvarez.

La direttrice e fondatrice Simona Gavioli spiega: «Quest’anno i prezzi di vendita partivano da 500-600 euro e arrivavano a 5mila euro. Quasi tutte le gallerie hanno fatto affari e l’80% hanno confermato la loro presenza nel 2019». Anche da una visione diretta molti galleristi presenti si sono detti soddisfatti delle vendite. È il caso di Massimo Gasperini che, alla galleria la Linea di Montalcino (Si) di Matteo Scuffiotti, presentava una serie di disegni riuniti anche in blocchi Moleskine: «Il range dei prezzi delle opere andavano dai 100 euro fino ai 2.500 della china su carta Ocè “Inversa Forma Urbis” (2016) e ai 4mila della tecnica mista (acrilici, aerografo a chine liquide) su forex intitolata “Monster city” (2017)».

Altro stand molto «battuto» è stato quello di Villacontemporanea di Monza (Mb) di Monica Villa che presentava tre serie del 2016-2017 dell’iraniana, da alcuni anni in Italia, Saba Masoumian (presente anche alla Saaci Galleria di Saviano, Na). «Sette opere in tutto, spiega la gallerista, vere e proprie costruzioni in miniatura che secondo vari passaggi raccontano la situazione delle donne: i prezzi variavano dai 2mila-2500 euro della serie “Uccelli” fino ai 3.500 della “Scatola” che ricostruisce un bagno di una vecchia abitazione». L’A100 Gallery di Galatina (Le) presentava invece lavori di Eva Caridi: «Balance» a 3.500 euro e «Forest» su carta giapponese a 5mila. Una delle gallerie di maggior successo era D406-Fedeli alla linea (Mo) di Andrea Losavio: «Abbiamo, spiega, i disegni del modenese Luca Zamoc, riferiti alla pittura murale appena inaugurata al refettorio La Ghirlandina di Modena». Sempre qui venduti prima dell’apertura al pubblico i quattro fogli a china di Ericailcane della serie «Sta per succedere qualcosa».

SetUp Contemporary Art Fair

Stefano Luppi, da Il Giornale dell'Arte numero 384, marzo 2018


Ricerca


GDA ottobre 2018

Vernissage ottobre 2018

Vedere a Matera 2018

Vedere a ...
Vedere in Emilia Romagna 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012