Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Pav rigenerante

Una personale di Zheng Bo celebra i dieci anni del Parco Arte Vivente

«A Chinese Communist Garden in Paris (Workshop III, December 14-15, 2016, École du Breuil, with second-year students)» di Zheng Bo, 2016. Foto cortesia dell'artista

Torino. Il Pav-Parco Arte Vivente ha festeggiato dieci anni lo scorso 23 settembre, con performance, incontri, attività educative e concerti che hanno coinvolto tanti cittadini e addetti ai lavori. In due lustri, e attraverso numerose mostre, workshop e iniziative, un’ex area industriale incolta e abbandonata di 23mila metri quadrati si è trasformata in un centro di sperimentazione perfettamente integrato nel sistema museale cittadino, immerso in una vegetazione rigogliosa. Insomma, un esempio concreto del potere rigenerativo dell’arte. È un’operazione che incarna appieno lo spirito del suo fondatore e presidente, Piero Gilardi (1942), artista torinese, eclettico frequentatore dell’Arte povera, conosciuto nel mondo per i suoi poliuretanici «Tappeti natura».

Dal 2015 il Pav è diretto da Enrico Bonanate, che ha affidato la programmazione artistica al curatore internazionale Marco Scotini (sua, per esempio, la direzione della Biennale di Yinchuan conclusasi a settembre). «Il titolo della nostra mostra del 2014 “Vegetation as a Political Agent”, spiega Bonanate, racchiude lo spirito con cui il Pav indaga il rapporto tra natura e cultura, in una prospettiva nella quale narrazione, analisi e riflessione delle e sulle vicende sociali, storiche e politiche non sono mai scisse dall’ambiente in cui si situano. A dispetto dello spessore teorico degli argomenti trattati, uno degli obiettivi del Pav è di non porsi in maniera esclusiva rispetto al proprio pubblico, che oggi come all’origine è trasversale, composto da addetti ai lavori e non. Vogliamo continuare a proporci come crocevia di diversi campi d’interesse, capaci di intercettare e far comunicare mondi distanti. Quel che più ci interessa sono la prospettiva d’insieme e i risultati sul lungo periodo».

Tra le numerose opere realizzate nel corso degli anni nell’area esterna del museo, sono da ricordare gli interventi di Land art «Trèfle» di Dominique Gonzalez-Foerster e «Jardin Mandala» di Gilles Clément, una ragguardevole collezione a cielo aperto.

La mostra che celebra il decennale è una personale di Zheng Bo, visitabile dal 4 novembre al 24 febbraio. L’artista cinese (Pechino, 1974) esplora la relazione tra arte ed ecologia nel continente asiatico, indagando il rapporto tra piante, società e politica: la catena di sfruttamento che lega natura e lavoratori alla classe dirigente, ma anche l’incontrollabile insorgenza di piante e movimenti politici spontanei, considerati dall’artista un’inestirpabile forma di resilienza.

Per la serra del museo torinese Zheng Bo ha ideato la grande installazione-giardino «After Science Garden», realizzata con specie botaniche locali, in collaborazione con ricercatori e attivisti del territorio per stimolare la formazione di movimenti ecologisti. In mostra anche gli erbari grafici della serie «Survival Plant Manual I e II», che indaga sopravvivenza ed estinzione di specie vegetali, la maquette «A Chinese Communist Garden in Paris» e due film della trilogia «Pteridophilia», il cui ultimo capitolo, in preparazione, verrà presentato alla prossima Biennale di Taipei. La catalogazione e rielaborazione delle piante cittadine, in chiave relazionale, è anche al centro dei laboratori proposti dal dipartimento educativo del museo.

Jenny Dogliani, da Il Giornale dell'Arte numero 391, novembre 2018


Ricerca


GDA novembre 2018

Vernissage novembre 2018

Focus on De Chirico 2018

Vedere a ...
Vedere in Canton Ticino 2018

Vedere in Sardegna 2018

Vedere a Torino 2018

Vedere in Emilia Romagna 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012