Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie


Parigi, addio a Pierre Bergé

Pierre Bergé nel cantiere del Musée Yves Saint Laurent di Parigi, 2017 © Luc Castel

Parigi. Lo scorso mese di giugno, Pierre Bergé aveva riunito la stampa internazionale per annunciare l’apertura dei due musei dedicati allo stilista Yves Saint Laurent, di Parigi e di Marrakech: «5mila abiti, 15mila accessori, 200mila schizzi, un numero incancolabile di ricordi. Sono questi ricordi che abbiamo voluto trasformare in progetto», aveva detto davanti a centinaia di giornalisti nei locali della Cité de la Mode di Parigi confermando che quel progetto, di cui si parlava già da qualche tempo, stava per diventare realtà.
Ad appena qualche settimana dall’apertura dei musei, il 3 ottobre a Parigi e il 19 a Marrakech, Pierre Bergé è morto, nella sua casa di Saint-Rémy-de-Provence, nel sud della Francia. Aveva 86 anni ed era da tempo malato di miopatia. «Favoloso mecenate, filantropo, insaziabile esteta, geniale imprenditore, uomo di cultura appassionato, Pierre Bergé era questo e altro ancora», lo ha ricordato Jack Lang, l’ex ministro francese della Cultura che è stato una delle prime personalità a reagire all’annuncio della scomparsa di questa mattina.

Bergé, compagno di vita dello stilista scomparso nel 2008, nel 1961 fondò con lui la famosa maison di moda dell’avenue Marceau, che diresse per quarant’anni. Oggi la Francia perde una figura importante del mondo culturale. Nel 2001 gli era stato attribuito il titolo di Grand Mécène des arts et de la culture. Tra gli altri progetti che ha sostenuto, il restauro delle sale della National Gallery di Londra e di quelle del Centre Pompidou di Parigi. Di lunga data anche la sua collaborazione con il Louvre. Appassionato d’arte, ha riunito nel corso di decenni una collezione immensa di dipinti, sculture, oggetti d’arte decorativa e libri antichi. Da alcuni anni si stava separando della sua collezione unica di 1.600 volumi, manoscritti e spartiti musicali dal XV al XX secolo. Ma Bergé, che non ha mai nascosto il suo orientamento, è stato anche un difensore della causa omossessuale e ha sostenuto la Act-Up Paris, l’associazione per la ricerca sull’Aids. Nel campo dell’editoria, altra grande passione, ha fondato le riviste «Courrier International» e «Globe» e dal 2010 era azionista del quotidiano «Le Monde». Nel marzo 2017 si era sposato con il paesaggista americano Madison Cox, di 58 anni, vice presidente della Fondation Bergé-Yves Saint Laurent.

Articoli correlati:
Doppio Museo YSL a Parigi e Marrakech

di Luana De Micco, edizione online, 8 settembre 2017


Ricerca


GDA novembre 2017

Vernissage novembre 2017

Sovracoperta GDA novembre 2017

Focus on Figurativi 2017

Vedere a ...
Vedere in Emilia Romagna 2017

Vedere in Canton Ticino 2017

Vedere in Sardegna 2017

Vedere a Torino 2017


Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012