Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Antiquari

L’autoritratto di Artemisia torna in Italia

È stato acquistato in società dagli antiquari Marco Voena e Fabrizio Moretti

L'«Autoritratto nelle vesti di santa Caterina» di Artemisia Gentileschi, databile tra il 1614 e il 1616, venduto a 2.360.600 in un'asta all'Hotel Drouot

Parigi. Il 19 dicembre, in un’asta di dipinti europei ospitata dall’Hôtel Drouot, il commissaire-priseur Christophe Joron-Derem ha venduto un inedito «Autoritratto nelle vesti di santa Caterina» di Artemisia Gentileschi, databile tra il 1614 e il 1616, a 2.360.600 euro diritti compresi (contro una stima di 300-400mila euro), nuovo record d’artista all’asta. Ad acquistare il dipinto sono stati in società gli antiquari Marco Voena e Fabrizio Moretti.

La scheda del catalogo avvicinava l'opera (un olio su tela di 71x71 cm) a due altri dipinti dell’artista romana: un’altra «Santa Caterina», anch’essa databile al 1614-16 (76x62 cm) ora alla Galleria degli Uffizi, e un «Autoritratto in veste di suonatrice di liuto» che si trova al Wadsworth Athenaeum di Hartford, in Connecticut.

Vittorio Bertello, edizione online, 21 dicembre 2017


Ricerca


GDA settembre 2018

Vernissage settembre 2018

Vedere a Matera 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012