Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie


Venezia, shopping di lusso nel Fontego dei Tedeschi

Aprirà il primo ottobre, dopo la contestata metamorfosi firmata dallo studio Oma di Rem Koolhaas, l'edificio sul Canal Grande di proprietà del Gruppo Benetton

La facciata di T-Fondaco dei Tedeschi a Venezia

Venezia. Apre al pubblico il primo ottobre con la denominazione di «T (come travel Ndr) Fondaco dei Tedeschi» il rinnovato Fontego, nella veste di shopping gallery afferente al gruppo Dfs, Duty Free Shop, controllato da Lvmh (Louis Vuitton Moët Hennessy).
Novemila metri quadrati di superficie in tutto dedicati a moda, accessori e prodotti di alta gamma, accanto al ponte di Rialto e a pochi passi dai magazzini Coin con, all’ultimo piano, terrazza panoramica ed event pavillion destinato a iniziative culturali; per quella inaugurale Fabrizio Plessi vi porterà il progetto site specific «Under Water»: 60 schermi sospesi riproducono mosaici sommersi dall’acqua (sino al 15 gennaio 2017).

Artefice della metamorfosi è lo studio Oma dell’olandese Rem Koolhaas (con Ippolito Pestellini Laparelli, Francesco Moncada, Silvia Sandor) incaricato dalla proprietà (Edizione Srl, holding di Benetton Group che ha acquistato l’immobile da Poste Italiane nel 2008 per 53 milioni di euro) mentre l’arredo interno porta la firma di Jamie Fobert scelto dalla concessionaria Dfs.

La trasformazione di quello che fu luogo degli scambi commerciali delle popolazioni teutoniche e nordiche, ricostruito a seguito di un incendio nel Cinquecento e poi pesantemente alterato nel corso degli anni Trenta per ospitare la centrale di Poste Italiane, è stata segnata da numerose polemiche. Negli ultimi sei anni si sono avvicendate le modifiche al progetto preliminare richieste dalla Soprintendenza, i ricorsi al Tar (poi respinti) di Italia Nostra, che vi ha comunque contestato la «trasformazione delle falde di copertura in copertura orizzontale a vetro finalizzata a creare una sala polivalente contornata da un’area calpestabile e l’apertura di un grande foro nelle mura della corte interna tale da lasciare percepire la presenza delle scale mobili» nonché, pare, una crisi d’equilibri per l’esclusione dello Studio Oma nella supervisione generale dell’allestimento interno al subentrare del britannico Fobert.

Oggi, dopo un cantiere lampo portato a termine da Sacaim-Rizzani De Eccher (2014-primavera 2016; l’allestimento è attualmente in corso) con un investimento di 36 milioni di euro per il solo restauro, il Fontego può considerarsi quasi pronto.
Gli elementi che connotano il disegno progettuale sono la contestata apertura a «scudo» che taglia la parete est al primo e al secondo livello per lasciar intravedere la scala mobile di collegamento ai piani; la copertura della corte centrale con un solaio in acciaio e vetro; la creazione, all’ultimo piano, del cosiddetto event pavillion sormontato dall’originaria lanterna rialzata, dal quale è possibile accedere alla terrazza panoramica. Quest’ultima, sovrastante la falda interna del tetto, interessa il solo fronte del Canal Grande offrendo una veduta a 360 gradi sulla città lagunare.

Nel dettaglio, le soluzioni interne di studio Oma lasciano spazio a scelte non uniformi: dalla pavimentazione a palladiana dell’ingresso connotato dalla scala mobile la cui riproposizione alle pareti crea uno straniante effetto alla voluta messa in evidenza dell’elemento strutturale in cemento armato degli anni Trenta e del mattone a vista sino all’utilizzo dell’ottone, materiale prediletto che ricorre nelle profilature, nelle balaustre, nei serramenti, nelle scale di emergenza nonché all’ultimo piano, dove caratterizza le pareti perimetrali del corridoio interno e quelle dello stesso event pavillion.

Il risultato finale certo si potrà comunque osservare ad allestimento concluso così come anche l’effettiva fruizione al di là della destinazione commerciale: la convenzione del 2011 tra proprietà e Comune dovrebbe difatti garantire l’utilizzo pubblico della corte interna, ballatoi, terrazza panoramica e locali destinati a servizi oltre a una fruizione della corte e del nuovo padiglione per l’organizzazione di pubblici eventi per un periodo di 10 giorni all’anno.

Al restauro e riuso del palazzo veneziano è dedicato il volume Il Fondaco dei Tedeschi, Venezia, Oma, con testi di Francesco Dal Co, Elisabetta Molteni, Rem Koolhaas, Ippolito Pestellini Laparelli e fotografie di Alessandra Chemollo e Delfino Sisto Legnani, di prossima uscita per Electaarchitettura (352 pp., € 40,00).


Articoli correlati:
Fontego dei Tedeschi, partono i lavori
Venezia, il Fontego dei Tedeschi diventerà centro commerciale

Fondaco dei Tedeschi, Koolhaas non cambia idea

Fondaco dei Tedeschi, bocciatura solenne per il progetto di Koolhaas
Fondaco dei Tedeschi: la terrazza sul tetto che scotta

Il Fondaco dei Tedeschi nuovo grande magazzino, con spazio espositivo annesso

di Veronica Rodenigo, edizione online, 13 settembre 2016


Ricerca


GDA novembre 2017

Vernissage novembre 2017

Sovracoperta GDA novembre 2017

Focus on Figurativi 2017

Vedere a ...
Vedere in Emilia Romagna 2017

Vedere in Canton Ticino 2017

Vedere in Sardegna 2017

Vedere a Torino 2017


Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012