Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Fotografia


Losa Angeles

Alla regina piaceva la fotografia

Al Getty la collezione della regina Vittoria e tre serie di Sugimoto

Leonida Caldesi, «Prince Arthur», prestata dal Her Majesty Queen Elizabeth II Royal Collection Trust. © Her Majesty Queen Elizabeth II 2013

Quando la regina Vittoria compì vent’anni e regnava da due, nel 1839, la rivoluzionaria invenzione della fotografia fu annunciata al mondo da monsieur Daguerre a Parigi, e, quasi in contemporanea, da Henry Fox Talbot a Londra, che ne perfezionò ulteriormente la tecnica. Vittoria e il principe Alberto adottarono con entusiasmo il nuovo mezzo fotografico: fu la prima sovrana a essere fotografata, sia nei ritratti ufficiali sia nei momenti più diversi della vita quotidiana sua e della sua famiglia. La sua immagine divenne il simbolo dell’intera età vittoriana. «Ora, 175 anni dopo, cogliamo questa opportunità per celebrare l’anniversario del rapporto tra la sovrana e la fotografia, attraverso una ricca collezione di immagini che raccontano l’evoluzione del mezzo fotografico e della monarchia vittoriana», spiega Timothy Potts, direttore del J. Paul Getty Museum. Dal 4 febbraio all’8 giugno il museo californiano dedica infatti al tema la mostra «A Royal Passion: Queen Victoria and Photography», curata da Anne Lyden e comprendente importanti prestiti dalla Royal Collection della regina Elisabetta, oltre a pezzi della collezione del Getty.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

di Viviana Bucarelli, da Il Giornale dell'Arte numero 339, febbraio 2014


Ricerca


GDA settembre 2017

Vernissage settembre 2017

Vedere a ...
Vedere a Firenze e in Toscana 2017

Vedere in Puglia e Basilicata 2017


Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012