Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Fulmini e saette


Pittsburgh (Usa)

L’ultimo dei sentimentali

Courtesy of Carnegie Museum of Art, Pittsburgh

Quando negli anni ’60 Ansel Adams e Henri Cartier Bresson celebravano l’intensità dell’immagine fotografica singola, e il fotogiornalismo era il genere dominante, Duane Michals utilizzava il mezzo fotografico in funzione narrativa e realizzava delle sequenze che raccontavano delle storie. Ironiche, spiritose, enigmatiche, queste «fictionettes» parlavano dell’amore di coppia, del sesso, della passione e della complessità dei rapporti, ma anche dell’individuo e delle sue molteplici identità, così come dell’incontro e dello scontro tra le persone nella vita quotidiana e negli ambienti più diversi. Definito dal New Yorker «l’ultimo dei sentimentali», Michals si è sempre considerato uno «story teller»: per dare maggiore spessore alle sue storie fotografiche ha spesso utilizzato anche la scrittura per annotare, sulla carta fotografica, poesie, commenti e note, anche di memoria autobiografica. Ispirato dall’opera di René Magritte, ha sperimentato la doppia e tripla esposizione e ha contribuito al cambiamento di approccio alla fotografia, che ha reso più filosofico, suscitando grandi entusiasmi, ma provocando anche dure polemiche.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

di Viviana Bucarelli, da Il Giornale dell'Arte numero 347, novembre 2014


Ricerca


GDA novembre 2017

Vernissage novembre 2017

Sovracoperta GDA novembre 2017

Focus on Figurativi 2017

Vedere a ...
Vedere in Emilia Romagna 2017

Vedere in Canton Ticino 2017

Vedere in Sardegna 2017

Vedere a Torino 2017


Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012