Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Archeologia


Taranto

Chi ha visto Marta?

Per 15 anni dimenticato e chiuso, riapre il famoso Museo Archeologico Nazionale

Per oltre un secolo molti dei tesori sono rimasti nascosti nei depositi. Tra i pochi in mostra è bastata l’immagine eccezionale di un orecchino d’oro a rendere celebre in tutto il mondo il Museo Archeologico Nazionale di Taranto («Marta»). Da più di 15 anni il «Marta» è scomparso dagli itinerari turistici, dimenticato dalle guide, declassato e ignorato nei convegni internazionali. Uno dei più importanti musei archeologici del mondo, famoso per la straordinaria raccolta di ori d’età classica, è rimasto semichiuso dal 1998, poi chiuso del tutto per otto anni, fino al 2007 a causa di interminabili lavori a singhiozzo. Negli anni recenti, aperture parziali, incerte, pochi oggetti esposti in misere vetrine. Finalmente, entro Natale, il Marta rinasce per tornare nell’élite dei musei archeologici ampliato e rinnovato.  Tutto cambiato, una vera rivoluzione strutturale: il vecchio piano terra ma soprattutto l’intero  primo piano, nove sale, aperte per la prima volta, e lavori avanzati per conquistare anche il secondo piano, già occupato dagli uffici.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

di Tina Lepri, da Il Giornale dell'Arte numero 337, dicembre 2013


Ricerca


GDA aprile 2018

Vernissage aprile 2018

Vademecum SANPAOLO

Focus on Design 2018

Vedere a ...
Vedere a Milano 2018


Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012