Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie


Zahi prima esaltato, poi accusato

Per un decennio è stato idolatrato e le televisioni di tutto il mondo se lo contendevano. Dal 2001 al 2011 Zahi Hawass è stato considerato l’egittologo per eccellenza da masse di studiosi e fanatici appassionati dell’Egitto antico. Dopo la caduta del presidente Mubarak, a inizio 2011, è riuscito a creare il Ministero di Stato delle antichità. Ne è stato alla guida per alcuni mesi e poi si è dimesso. La sua uscita di scena è stata accompagnata da una serie di polemiche e di attacchi, molto spesso portati da persone che in passato lo avevano esaltato. I problemi più recenti arrivano dal Governo degli Stati Uniti che ha aperto un’inchiesta sui suoi rapporti con la National Geographic Society. I soldi che Zahi Hawass avrebbe percepito dall’organizzazione di Washington sarebbero da considerare una tangente. Da noi interpellato, Hawass ha risposto con un lungo messaggio mail in cui dettaglia i suoi rapporti con National Geographic e conclude amaramente: «Dopo la rivoluzione, alcune persone in Egitto si sono prese il gusto di scrivere contro di me accusandomi di essere stato corrotto da National Geographic.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

di Francesco Tiradritti, da Il Giornale dell'Arte numero 337, dicembre 2013


Ricerca


GDA novembre 2017

Vernissage novembre 2017

Sovracoperta GDA novembre 2017

Focus on Figurativi 2017

Vedere a ...
Vedere in Emilia Romagna 2017

Vedere in Canton Ticino 2017

Vedere in Sardegna 2017

Vedere a Torino 2017


Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012