Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Opinioni & Documenti


Che ve ne sembra dell’America?

Lucciole meccaniche

James O. Clark parla allo spirito e fa respirare l’animo, eppure fa l’idraulico per mantenersi

James O. Clark, «The Luminiferous Aether», 1995-2011. © RHV Fine Art

Si entra in una stanza buia e si è presi nella luminescenza di un qualcosa che sale verso l’alto come un albero importato da un universo radicato nel nostro spirito e al contempo trasportato da lontane galassie. Eppure si tratta di un semplice tubo, pieno di gas argon acceso dalla corrente elettrica, al quale sono attaccati palloni trasparenti iridescenti. Come tutti i suoi lavori, questa scultura di James O. Clark irradia una presenza che trascende i suoi dati materiali. Fin da ragazzo, questo scultore oggi quasi sessantenne, che è nato e ha completato gli studi nella contrada di Keith Haring, è stato affascinato dalla magia della luce e della meccanica a bassa tecnologia. Mescola materiali svariatissimi per produrre piccole città immaginarie, pianeti fatti di frammenti, fogli dentro i quali si nasconde un filo di neon di colore tenue. Le sue opere sovente pulsano come farebbe una lucciola. Non vi è nulla di sensazionale in esse: il fascino che la meccanica di come si fanno le cose esercita su Clark è simile ...
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

di Lucio Pozzi, da Il Giornale dell'Arte numero 312, settembre 2011


Ricerca


GDA maggio 2017

Vernissage maggio 2017

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2017

Focus on Boetti maggio 2017

Vedere a ...
Vedere a Venezia e in Veneto 2017

Vedere a Milano 2017

RA Arte Contemporanea 2017


Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - Piazza Emanuele Filiberto, 13/15, 10122 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012