Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Fotografia

Henry Fair piange sulla terra in crisi

New York. «Siamo perfettamente in grado di comprendere quando facciamo del male a qualcuno personalmente, è una questione di empatia. Ma non siamo capaci di provare l’empatia globale. È come se non percepissimo le conseguenze di buttar via una lattina di alluminio». Così ha scritto sul celeberrimo blog «Huffington Post» J. Henry Fair, fotografo e ora autore del suo primo volume pubblicato da Power House Books, insieme a Random House, «The day after tomorrow: images of our earth in crisis» (144 pp., 66 ill. col., powerHouse Books, Brooklyn, NY, 2011, $ 39,35). Fair è noto per la serie fotografica «Industrial Scars» in cui riprende paesaggi devastati dallo sviluppo industriale attraverso immagini che al tempo stesso sono di una bellezza magnetica e fanno orrore. Ricordano grandi opere di pittura astratta, ma riprendono realtà del tutto tangibili. Scattate principalmente con la fotografia aerea, raccontano un viaggio attraverso disastri ambientali: da una foresta della Virginia, deturpata dai lavori di una miniera, a una regione della Florida distrutta dall’industria mineraria dei fosfati.

Viviana Bucarelli, da Il Giornale dell'Arte numero 311, luglio 2011


Ricerca


GDA novembre 2018

Vernissage novembre 2018

Focus on De Chirico 2018

Vedere a ...
Vedere in Canton Ticino 2018

Vedere in Sardegna 2018

Vedere a Torino 2018

Vedere in Emilia Romagna 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012