Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Edimburgo ed Helsinki

L’arte va al fresco con i festival d’estate

È il tempo delle kermesse che mixano arti visive e spettacolo: notti bianche in Finlandia, scultura britannica in Scozia

La «Notte delle Arti» a Helsinki, © SASA TKALCAN

Edimburgo ed Helsinki. L’estate, si sa, è propizia ai festival, non solo canori o gastronomici ma anche legati alle arti visive. Se Arles, come da tradizione, propone dal 4 luglio al 26 agosto i «Rencontres» dedicati ai fotografi di tutto il mondo (cfr. in questo numero l’articolo nella sezione «Fotografia»), per chi preferisce l’arte in un clima più fresco, dal 4 agosto al 4 settembre si svolge l’Edinburgh Art Festival, diretto da Sorcha Carey. La manifestazione coincide con l’Edinburgh Festival Fringe, il più grande festival multidisciplinare al mondo. «Ci sono già molti spettatori in città, dice Carey, quindi il problema è: come possiamo creare la nostra identità?». Un modo è stato quello di commissionare il primo padiglione del festival, concepito dall’artista Karen Forbes come sede per eventi. Un altro nuovo lavoro pubblico, commissionato dalla Fruitmarket Gallery, vede l’artista Martin Creed rivestire in permanenza ognuno dei 104 «Scotsman Steps», che collegano le città vecchia e nuova di Edimburgo, con diversi tipi di marmo. La scultura britannica è particolarmente ben rappresentata con mostre di David Mach all’Edinburgh City Art Centre, Tony Cragg alla Scottish National Gallery of Modern Art e Anish Kapoor (ubiquo in questo periodo) all’Edinburgh College of Art. Per la prima volta, alle gallerie commerciali partecipanti è stato chiesto di pagare una sottoscrizione variabile dalle 250 sterline, per le piccole gallerie, alle 5mila per quelle maggiori (dai 280 ai 6mila euro). «C’era l’imperativo finanziario di assicurare un modello sostenibile», dice Carey.
Un Leone al Nord
Dal 19 agosto al 4 settembre è la volta dell’Helsinki Festival, diretto da Erik Söderblom. Il programma, spiega il direttore, «spazia dalla lettura di poesie in case private, a happening artistici nei pub di Helsinki, a concerti e mostre di artisti internazionali». Sotto il titolo «Culture che si incontrano e si scontrano», il festival ha una grande componente musicale. La Kunsthalle Helsinki ospita la produzione del pittore belga Michaël Borremans, e al Teatro Nazionale si svolgono due performance intitolate «Via Intolleranza II», l’ultimo lavoro del defunto artista e regista Christoph Schlingensief, la cui opera ha garantito alla Germania il Leone d’Oro all’attuale Biennale di Venezia. Forse il contributo più finlandese del festival è «La notte delle arti», il 26 agosto, nella quale i visitatori si spostano tutta la notte tra gallerie, concerti e performance, con il sole che, data la latitudine del Paese, scende appena al di sotto dell’orizzonte.

© Riproduzione riservata

Toby Skeggs, da Il Giornale dell'Arte numero 311, luglio 2011


  • Michaël Borremans, «Red Hand, Green Hand», 2010. Courtesy Zeno X Gallery, Antwerp. Photo Peter Cox
  • Anish Kapoor, Untitled, 2010. Cera, pittura a olio e acciao. Courtesy the artist

Ricerca


GDA novembre 2018

Vernissage novembre 2018

Focus on De Chirico 2018

Vedere a ...
Vedere in Canton Ticino 2018

Vedere in Sardegna 2018

Vedere a Torino 2018

Vedere in Emilia Romagna 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012